Nitrox

Specialità di Aria Arricchita – Nitrox (Enriched Air Diver)
Come già sappiamo, l’aria è composta principalmente da ossigeno (21%) e azoto (79%). L’azoto nelle immersioni ARA costituisce un limite relativamente al nostro tempo di fondo, al numero di immersioni che possiamo fare in un giorno, e talvolta rende necessario un intervallo di superficie più lungo tra una immersione e l’altra. L’azoto può inoltre causare la malattia da decompressione (MDD).
Il Nitrox, o Aria Arricchita, non è altro che aria in cui è presente una maggiore percentuale di ossigeno, e di conseguenza una minore percentuale di azoto. E’ quindi facile comprendere come, respirando una miscela in cui la percentuale di azoto è minore, si aumentano i tempi di fondo, senza dover incorrere in tappe di decompressione, e si diminuisco i rischi di MDD.
Secondo la PADI, le immersioni ricreative, ovvero non tecniche, con aria arricchita sono quelle in cui la percentuale di ossigeno è compresa tra il 21% e il 40%.
Le due miscele nitrox più comunemente usate sono quelle al 32% e 36% di ossigeno.
I subacquei oggi sono alla continua ricerca di nuove avventure ed esperienze, e questo spesso porta a desiderare tempi di fondo più lunghi. Molte volte l’unico modo per ottenere dei tempi di fondo più ampi è quello di pianificare immersioni con soste di decompressione, talvolta lunghe e in situazioni di stress.
L’uso delle miscele nitrox consente non solo di avere tempi di fondo più lunghi e di eliminare le soste di decompressione, richieste invece
per le immersioni in aria, ma anche di fare degli intervalli di superficie più brevi, mantenedo sempre minimo il livello di rischio.
Meters Air EAN 32% Ean 36%
15 80 200 200
18 55 100 100
21 45 60 60
24 35 50 60
27 25 40 50
30 22 30 40
33 15 25 30
36 12 25 n/a
Se un subacqueo, durante un’immersione con aria arricchita, usasse lo stesso profilo che adotterebbe in una immersione con aria normale, non solo la decompressione sarebbe notevolmente inferiore, ma ci sarebbe una notevole riduzione del livello di azoto nel suo corpo. Di fatti, molti subacquei affermano di sentirsi meno stanchi dopo una serie di immersioni con aria arricchita che dopo una serie di immersioni con aria normale.
Pensate ad una tipica vacanza subacquea dove si fanno 2 o anche tre immersioni al giorno per cinqueo o sei giorni di fila!! L’uso dell’aria arricchita risulta doppiamente vantaggioso: sia perchè consente di allungare i tempi di fondo che di ridurre quelli di decompressione.
Per partecipare al corso di Immersioni con Aria Arricchita, un subacqueo deve:
1.Essere brevettato come PADI Open Water equivalente
2.Età minima 15 anni

Durante il corso Padi Eriched Air Diver (NITROX) si imparano le procedure di sicurezza delle immersioni ricreative in NITROX senza decompressione.

Il corso tratta dell’equipaggiamento e delle procedure che riguardano l’aria arricchita, imparando come pianificare le immersioni, come determinare i propri limiti di non decompressione e come determinare i limiti di esposizione a percentuali di ossigeno più elevate. Svolta la parte teorica del corso, verrà fatto uno sviluppo delle conoscenze (tramite un esame a quiz) e due immersioni  con miscele di aria arricchita  che varieranno fra il 30% e il 40% di ossigeno.

Al termine del corso si ottiene i brevetto Padi Enriched Air Nitrox.

Comments are closed.