Punta Agnadda

A ridosso del punto più curioso dell’isola Asinara vale a dire Cala di Sgombro, un lembo di terra largo solo 200 metri che tiene unita l’isola e che a sua volta vede e soffre sia le Burrasche di Maestrale che quelle di Levante.
Punta Agnadda, forse la più esposta ai venti di maestrale o meglio dove è più impressionante vedere una tempesta di maestrale.

E’ formata da un fondale roccioso dando luogo a più di un percorso di immersione in una sorta di labirinto subacqueo ove le sorprese sono una routine grazie ai continui e nuovi incontri. Una flora entusiasmante e coloratissima (ideale per gli amanti della macrofoto), mentre i fan del grandangolo, puntando lo sguardo verso le zone più blu di Punta Agnadda potrebbero facilmente immortalare nel loro obbiettivo il Pesce Spada che in questo tratto costiero segue premurosamente il passaggio dei Tonni. Qui anche la classica Murena Helena sembra essere maggiorata tanto che quando la si incontra esce spavalda dalla sua tana con ¾ del suo corpo dimostrando un’eleganza e una bellezza fuori dal comune.

Comments are closed.